MELANZANA

MELANZANA

Un dono che arriva dall’Asia

Appartiene alla famiglia delle solanacee come le patate, i pomodori, i peperoni e la belladonna. Sebbene venga considerata un ortaggio in realtà è un frutto  di un alto fusto con fiori violetti o bianchi. Ve ne sono di diverse qualità sia per il colore della buccia quanto per il suo colore: viola scuro e rotonde le più conosciute in Occidente ma vi sono anche quelle rosse, gialle e verdi dell’India, a strisce rosa e bianche del nostro paese e allungate della Cina. I maggiori produttori oggi sono l’Egitto, la Cina e l’India.

Si è appurato che, contrariamente a quanto si pensava in passato, che le prime coltivazioni siano iniziate in corrispondenza dell’attuale Malesia e che poi si siano propagate in india, Birmania e Cina.

A diffondere in Occidente questo frutto furono gli Arabi al ritorno dall’India e dalla Persia portandola nella Penisola Iberica e poi da qui in tutta Europa.

Nel Medioevo si pensava  che la melanzana avesse proprietà afrodisiache al di là di questa credenza ben presto entrò a far parte di molti piatti gastronomici come il baba ganoush una salsa orientale  fatta con melanzane affumicate, il moussaka un piatto greco  che ricorda la nostra parmigiana perché composto da strati di fette sottili.  Consumate anche ripiene o come purea, i Giapponesi la consumano glassata con miso.

Praticamente per il suo delicato sapore si presta ad essere consumata sia in piatti salati quanto in quelli dolci e la pasticceria moderna l’ha riscoperta per la creazione di alcuni suoi prodotti.



Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *